sabato 1 dicembre 2012



The legal borders of Israel under International law

VIDEO:  http://atlasshrugs2000.typepad.com/atlas_shrugs/2011/05/the-legal-borders-of-israel-under-international-law.html





Bloody Truth


VIDEO: https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=u2ITl5iEHI0

venerdì 30 novembre 2012

29 novembre 1947, cronaca di un giorno speciale

65 anni dopo l'approvazione della risoluzione 181 dell'ONU che sanciva la spartizione della ex Palestina mandataria in due Stati, ebraico ed arabo; 65 anni dopo il grande rifiuto arabo di quella soluzione, la Palestina attende un nuovo, storico, voto: quello per la sua ammissione alle Nazioni Unite come Stato osservatore.

Il 29 novembre 1947 è stata una data storica del ’900: in quel giorno l’assemblea generale dell’Onu votò per la terza e ultima volta la risoluzione 181 sulla spartizione della ex Palestina mandataria britannica. In quel freddo pomeriggio di novembre fuori dal palazzo grigio di Flushing Meadow, nel Queens, New York, una folla di persone era radunata ad attendere il risultato del voto; nel resto del mondo, migliaia di persone erano incollate alla radio a seguire la cronaca in diretta dei lavori.E così tutti a contare, uno dopo l’altro, i “si”, “no”, “astenuto”… Per  essere approvata  infatti la risoluzione doveva ottenere due terzi dei voti a favore – e per ben due volte, a settembre, non li aveva ottenuti. Perciò quell’ennesima conta parve interminabile. A presiedere l’assemblea il brasiliano Oswaldo Aranha, accanto a lui il segretario generale dell’Assemblea, il norvegese Trygve Lie.Quando fu il turno della Francia, i nervi erano a fior di pelle: il suo voto era il più atteso ed incerto. Tutti si aspettavano un’ennesima astensione. Così quando giunse il suo “si”, i sionisti seduti nella galleria della sala, esplosero in un grandioso applauso di sollievo e gioia. Il presidente richiamò l’ordine, ricorda David Horowitz, delegato sionista all’assemblea, e allora “l’emozione divenne quasi un dolore fisico”. Era il momento del verdetto finale: 33 si, 10 no, 9 astenuti. La mozione era passata. In quel momento ricorda ancora Horowitz “sentimmo  battere le ali della storia su di noi”. La gioia esplose dentro la sala, per le strade di New York e per quelle di mezzo mondo. A Gerusalemme  Golda Meir si rivolse alla folla dal balcone del palazzo dell’Agenzia ebraica e disse: ”Per duemila anni abbiamo aspettato la nostra liberazione. Ora che è qui è così grande e meravigliosa che va oltre le parole umane. Ebrei, gridò, Mazel tov! ”I rappresentanti degli stati arabi furono scioccati da quel risultato: i delegati di Siria, Libano, Iraq, Arabia Saudita, Yemen ed Egitto, scrisse poi il segretario generale TrygveLie,  ”si alzarono e uscirono dalla sala dell’Assemblea.”L’alto Comitato Arabo trasmise subito al segretario generale Lie un comunicato con cui informava che gli arabi di Palestina “non accetteranno mai alcuna potenza  che li costringa a rispettare la spartizione”. L’unico modo per dare corso alla spartizione, si leggeva, sarebbe stato quello di cancellare tutti quanti loro – uomini, donne e bambini.I chierici del seminario islamico Al-Azhar del Cairo invocarono a loro volta un “jihad mondiale in difesa della Palestina araba”, scrive ancora Horowitz,La mattina dopo in Palestina esplosero i primi colpi in quella che sarebbe poi stata la Guerra di Indipendenza di Israele o, per il mondo arabo, “Nakba” – la catastrofe.Oggi, 29 novembre, a 65 anni da quella storica data, la Palestina si trova ad attendere dalle Nazioni Unite un nuovo voto, quello che dovrebbe sancire il suo ingresso all’ONU come Stato non membro osservatore.La portata del voto di oggi è senza dubbio minore di quella di 65 anni fa, non solo per lo status che i palestinesi acquisterebbero, ma anche per le dimensioni dello Stato che verrebbe loro riconosciuto – inferiore a quello rifiutato nel 1947.Lo stesso Abu Mazen ha ammesso l’anno scorso in un’intervista alla TV israeliana, che il rifiuto del 1947 fu “un errore”.La Francia, il cui voto nel 1947 fu determinante per Israele, oggi, lo ha già annunciato, voterà a favore della Palestina. Lo stesso faranno Russia, Danimarca e Norvegia. La Germania è schierata sul fronte del no, mentre sul voto italiano, come su quello inglese, regna ancora l’incertezza. Ciò che è evidente e certo è che l’Europa unita di oggi si presenterà a questo appuntamento ancora una volta priva di una idea di politica estera e quindi di un voto comune.http://www.mosaico-cem.it/

Anp: Monti a Netanyahu, resta forte amicizia Italia-Israele

(AGI) - Roma, 29 nov. - Nella sua telefonata con Netanyahu, il presidente del Consiglio - si legge nella nota di Palazzo Chigi sul sostegno italiano alla Risoluzione che attribuisce alla Palestina lo status di Stato non membro Osservatore Permanente all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite - nel ribadire che questa decisione non implica nessun allontanamento dalla forte e tradizionale amicizia nei confronti di Israele, ha garantito il fermo impegno italiano ad evitare qualsiasi strumentalizzazione che possa portare indebitamente Israele, che ha diritto a garantire la propria sicurezza, di fronte alla Corte Penale Internazionale .

Terzi: Italia ugualmente vicina a Israele e Palestina 
 Milano, (TMNews) - L'Italia, come altri paesi importanti "è ugualmente amica e vicina ai palestinesi e agli israeliani nella volontà del rilancio del processo di pace". E' quanto dichiarato dal ministro degli Esteri Giulio Terzi a margine di un convegno sull'internazionalizzazione delle imprese lombarde. Il ministro ha poi affrontato il tema del voto di oggi all'assemblea generale dell'Onu per consentire alla Palestina di diventare paese osservatore ma non membro auspicando che la svolta di oggi "sia un impulso per il rilancio del processo di pace. C'è la possibilità concreta e un'alta probabilità che il voto di oggi si traduca in un rilancio del ruolo europeo più che in un suo arretramento".VIDEO: http://www.bresciaoggi.it/videos/619_videonews/34965/

Cicchitto, netto dissenso su decisione italiana

Roma, 30 nov. (Adnkronos) - "Ancor di piu' alla luce delle rivelazioni su come si e' arrivati alla decisione italiana sul voto all'Onu per la Palestina confermiamo il nostro netto dissenso. Europeismo non puo' voler dire distacco da Israele. C'e' un pizzico di irresponsabilita' in questa decisione, che piu' che dall'europeismo discende dall'influenza delle tradizionali posizioni del Pci sui nostri meccanismi di politica estera. Ma se l'Italia contribuisce a dare il senso di un isolamento di Israele, i rischi di conflitto e non di pace aumentano e non diminuiscono. Assai significativa e' la delusione degli Usa. Ancor piu' delusi siamo noi''. Lo dichiara Fabrizio Cicchitto, presidente dei senatori Pdl.

Gli israeliani: Roma, che delusione
«Dai migliori amici fa più male»
 

«NON SOLO non migliorerà la situazione sul terreno. Rischia di creare le premesse per nuova violenza e di allontanare le prospettive di pace. E quindi, ci spiace che l’Italia abbia scelto di sostenere l’iniziativa unilaterale palestinese. È qualcosa che non ti aspetti dai tuoi migliori amici e alleati». Palazzo Chigi l’ha appena informato della posizione del nostro Paese e l’ambasciatore israeliano Naor Gilon non nasconde la sua delusione. Ambasciatore, perché questo passo dovrebbe far crescere la tensione?«Perché aumenterà le aspettative in Cisgiordania. E quando i palestinesi vedranno che lo status non cambierà in nulla la loro condizione, che la loro vita e le loro prospettive non muteranno, perché il processo di pace non avanzerà, ciò creerà delusione. E, temo, instabilità». Ma l’avanzamento del processo di pace dipende anche da Israele....
«Ogni premier israeliano dagli accordi Oslo in poi, incluso Netanyahu, ha sempre detto che noi siamo pronti a due stati per due popoli. Ma i palestinesi si rifiutano da quattro anni di sedersi al tavolo negoziale. Se pensano di forzare il processo di pace attraverso la comunità internazionale fanno male i calcoli». Concedere il ruolo di osservatori potrebbe anche essere positivo se i palestinesi, come hanno promesso, accettassero davvero di sedere al tavolo negoziale senza precondizioni...«Lei crede che accadrà? Personalmente sono molto scettico. I palestinesi hanno sinora detto che non siederanno al tavolo della pace senza precondizioni e temo che non cambieranno posizione. Stanno solo cercando un modo per convincere il maggior numero di paesi possibile a supportarli». Cosa aiuterebbe davvero la ripresa dei negoziati?«Molto semplice. Europa e Stati Uniti sono i maggiori finanziatori dell’autorità palestinese. Gli danno un sacco di soldi ogni anno. Se gli europei si unissero agli americani nel dire ai palestinesi ‘non possiamo continuare a finanziarvi se non tornate al tavoloo di trattativa senza precondizioni’, io credo che l’autorità palestinese non potrebbe non accogliere l’invito. Ma purtroppo l’Europa non sembra pronta a fare pressioni su Abu Mazen e quindi lui non ha urgenza di trattare, e può scegliere di tentare di usare la comunità internazionale per cercare di forzare la mano a Israele. Le assicuro che non funzionerà».  http://qn.quotidiano.net/

Il "sì" italiano che delude Israele

“La Palestina viene oggi all’Assemblea Generale perché crede nella pace e perché la sua gente ne ha un disperato bisogno. È arrivato il momento per il mondo di dire chiaramente: Basta con l’aggressione, gli insediamenti e l’occupazione”. Con queste parole il presidente dell’ANP, Abu Mazen, ha salutato l’assemblea dell’ONU che, con 138 voti a favore su 193, ha sancito l’ingresso della Palestina all’ONU come Stato non membro osservatore. Un risultato storico a detta di molti, che di fatto riconosce per la prima volta l’esistenza della Palestina come entità statale.Un voto che “pone nuovi ostacoli sulla via della pace” ha dichiarato invece il segretario di Stato americano Hillary Clinton; “controproducente” ai fini del raggiungimento della soluzione “Due popoli, due Stati” ha aggiunto l’ambasciatrice americana all’ONU, Susan Rice.Per il premier israeliano Benjamin Netanyahu si tratta di una risoluzione che nei fatti  ”non cambierà alcunché”. “Esso non avvicinerà la costituzione di uno Stato palestinese, ma anzi la allontanerà”. Ciò non toglie, ha aggiunto,  che “la mano di Israele resti tesa verso la pace”.L’ Ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite, Ron Prosor, ha risposto al discorso di Abbas dicendo che la pace può essere raggiunta solo attraverso negoziati, non attraverso la via delle Nazioni Unite. ”Fino a quando il Presidente Abbas preferirà il simbolismo alla realtà, ogni speranza di pace sarà fuori portata. Nessuna decisione dall’ONU può rompere il legame che da 4000 anni unisce il popolo di Israele alla terra di Israele”, ha detto Prosor.Coloro che hanno votato a favore, stanno minando la pace”, ha aggiunto Prosor. “Le Nazioni Unite sono state fondate per promuovere la causa della pace. Oggi i palestinesi stanno voltando le spalle alla pace. Non lasciamo che la storia registri che oggi le Nazioni Unite li ha aiutati nel loro lunga marcia di follia.”Se fra i 9 stati che hanno votato contro l’ingresso della Palestina all’ONU come Stato non membro si contano gli USA, il Canada e la Cecoslovacchia; se fra gli astenuti ci sono la Germania e la Gran Bretagna, fra coloro invece che hanno votato “sì” ci sono la gran parte degli Stati europei, fra cui, inattesa – soprattutto a Gerusalemme – l’Italia.Poche ore prima del voto Palazzo Chigi ha fatto sapere che all’Assemblea generale avrebbe votato sì. Una scelta che ha lasciato spiazzati un po’ tutti negli ambienti israeliani che hanno sempre guardato all’Italia come ad uno dei paesi più vicini ed amici in Europa.  ”Quando si è molto vicini a qualcuno, quando lo si considera un grande amico, la delusione è più forte” ha osservato l’ambasciatore israeliano a Roma, Naor Gilon.Nella telefonata con Netanyahu che ha preceduto il voto, il premier Mario Monti ha fatto sapere che la decisione di votare a favore, non compromette la “forte e tradizionale amicizia” dell’Italia nei confronti di Israele. Monti ha garantito inoltre il fermo impegno dell’Italia ad evitare qualsiasi strumentalizzazione del voto ovvero che Israele, che ha diritto a garantire la propria sicurezza,  possa essere portato indebitamente di fronte alla Corte Penale Internazionale.A questo proposito Mattia Ferraresi, su “Il Foglio” di oggi, spiega:“Sul voto italiano pesa la logica della coalizione e l’indebolimento di Abu Ma-zen, ma si fanno anche calcoli sulla più grande paura israeliana: che i palestinesi possano trascinare il governo di Gerusalemme davanti alla Corte penale internazionale. Gli esperti legali dell’Onu consultati dal Foglio dicono però che si tratta di un’opzione puramente teorica. Prima di avere accesso alla Corte dell’Aia lo stato palestinese deve aderire al Trattato di Roma, il quale concede diritti e implica doveri, ad esempio dotarsi di un sistema legale nazionale che rispetti certi standard. Cosa che la Palestina non ha. Quando il rappresentante palestinese all’Onu dice che “non andremo subito alla Corte penale” non fa una dichiarazione politica, ma ammette uno stato di fatto. Nessun automatismo garantisce alla Palestina potenziata dal voto di denunciare Israele al Tribunale internazionale, e nulla dice che gli eventuali reati siano perseguibili retroattivamente. Quello della Palestina è un piccolo passo nella strada che porta all’Aia, non l’attivazione di un meccanismo inesorabile. Per questo Netnayahu dice che il voto dell’Onu “non cambia nulla”.http://www.mosaico-cem.it/

 


Monti ha tradito Israele e la politica estera italiana

E’ istituzionalmente sconvolgente la scelta di Palazzo Chigi di rovesciare con una mossa nient’affatto tecnica, ma tutta politica, le scelte di un parlamento che da vari anni a questa parte ha fatto suo onore e vanto di essere il migliore amico europeo di Israele, la cui delegazione all’ONU solo nel luglio del 2011 di fronte a una risoluzione identica ha risposto in modo opposto a quello attuale, che si è sempre proposto come mediatore di una pace trattata dalle due parti a un tavolo civile e rispettoso, e a non esporre la questione della pace a un consesso pieno d’odio contro Israele come è l’assemblea dell’ONU. Il comunicato di Palazzo Chigi che ieri ha annunciato che l’Italia in nome della prospettiva di “due Stati per due popoli” e per seguire una linea europea avre! bbe votato a favore di uno Stato Palestinese unilateralmente proclamato dall’Assemblea Generale, sembra scritto da un bambino che ignora l’abc della politica mediorientale, e soprattutto che scavalca senza remore, nonostante il suo sia un governo tecnico, le scelte politiche di fondo del Parlamento italiano, che non è mai stato minimamente consultato.Eppure si sa bene cosa pensa questo Parlamento: esso ha fatto speciali gesti di amicizia verso Israele pur restando un riferimento per i moderati palestinesi, e per questo ha conservato una qualità di mediatore che adesso ha perso di colpo in cambio di niente. Infatti “due Stati per due popoli” non c’entra niente con questa risoluzione, Israele è fuori, la Palestina avrebbe bisogno non di doni miliardari come fino ad oggi, ma di un senso di responsabilità verso i suoi e di un’accettazione di Israele che è proprio il contrario di quello che succede col regalo di questa risoluzione. Essa non è propalestines! e, è solo contro Israele. Il nostro Parlamento ha votato rivoluzioni spesso contrarie all’atteggiamento facilone e colpevolizzante di parte d’Europa: il Parlamento ha bocciato sia la partecipazione alla Conferenza detta “Durban 2”, sia la risoluzione del giudice Goldstoine dopo la prima guerra di Gaza, che poi lui stesso si è rimangiata. Il Parlamento ha un’associazione Italia-Israele di 200 membri, or ora in visita con una delegazione fino sotto le bombe di Hamas. I rapporti commerciali, culturali, scientifici sono straordinari; durante l’ultima guerra di fronte alla Camera si è tenuta una manifestazione pro Israele in cui sono intervenute tutte le parti politiche. Questo ha posto l’Italia in un ruolo di elite accanto ai paesi più importanti e indipendenti d’Europa, come la Germania, affrancandola da un atteggiamento gregario verso il mondo arabo, e molto dubbio verso il mondo ebraico che hanno altri Paesi, come la Francia e la Spagna. Con loro oggi andiam! o a braccetto incamerati nella maggioranza automatica islamica, con Ahmadinejad alla testa e con Chavez e altri eroi terzomondisti a fianco.L’incredibile scelta di Palazzo Chigi, pura prepotenza politica e certo non tecnica, distrugge le nostre possibilità, fino ad oggi molto buone, di fungere da mallevadore di una pace vera, di quelle che si fanno fra nemici, seduti a un tavolo, di quelle che decidono confini sicuri, da cui non si possa sparare sull’aeroporto Ben Gurion, che obbligano i palestinesi a rinunciare all’incitamento antisemita e filoterrorista (basta guardare su internet Palestinian Media Watch),che i giornali e le tv di Abu Mazen dedicano agli ebrei. Adesso avremo nuovi amici, ne siamo contenti? Siamo lieti della spaccatura con gli USA, con l’Australia, col Canada, con altri pochi coraggiosi che sanno dire no alla retorica e che puntano a una vera pace? Qui non ci sarà nessuno Stato, ma un’entità il cui sogno è solo quello di trascina! re Israele, forte del suo nuovo ruolo, come annunciato, al Tribunale Internazionale per farne uno stato canaglia da distruggere. Non ci sarà uno stato anche perché Hamas regna su Gaza e ha anche vinto le elezioni in tutte le città importanti dell’Autorità Palestinese: la new entry all’ONU può presto cadere nelle mani di un’organizzazione terrorista. Monti doveva forse farsi guidare dai suoi sentimenti democratici di cui non dubito, ma in lui non ha vinto l’ideale. C’è da capire ancora che cosa l’abbia trascinato verso il fronte anti istituzionale e ideologico. Chi, che cosa? Bersani con la sua campagna elettorale di sinistra che non ammette obiezioni da parte di questo governo non eletto? Il Qatar, appena visitato, che può spargere oro anche sulla nostra boccheggiante economia? L’Europa? che, quando ci allineiamo, ecco dove ci porta: al peggiore conformismo, alla rottura delle regole democratiche, all’abbandono dei nostri alleati, alla spaccatura con gli! Stati Uniti. Il Giornale, 30 novembre 2012 Fiamma Nirenstein


 


consigliera per la Lega nella circoscrizione Monza Brianza
cliccare sopra per ingrandire



 "Palazzo Chigi ha scavalcato indebitamente tutto il Parlamento e ha cambiato l'intera politica estera italiana"

Dichiarazione dell’On. Fiamma Nirenstein, Vice Presidente della Commissione Esteri:
 “Non si è mai visto un rovesciamento politico come quello cui ci ha costretto ad assistere Palazzo Chigi, del tutto inaspettatamente, nelle ultime ore, lanciando il fulmine a ciel sereno del riconoscimento unilaterale della Palestina. E' davvero una brutta sorpresa, un incomprensibile rovesciamento di linea politica, per un Parlamento che nel corso di questi anni ha costruito con Israele un rapporto speciale, in cui sono stati respinti con voto d'aula unitario il truffaldino Rapporto Goldstone, è stato bocciato il cosiddetto Durban 2, sono stati tessuti rapporti speciali nel campo della scienza, della cultura, dei rapporti commerciali.L'Italia, uno dei migliori amici di Israele per scelta democratica, adesso si ritrova, senza che il Parlamento sia mai stato consultato, insieme allo schieramento automatico dei Paesi Islamici e insieme all'Europa nella peggiore delle sue accezioni, ideologica e impaurita, incerta e succube, sensibile all'odore del petrolio e alla paura dell'Islam, non con l'Europa più affidabile ma con quella da sempre antisraeliana e filoaraba, di cui Francia e Spagna sono i capofila, sempre pronta al giudizio più aspro verso il diritto all'autodifesa di Israele, indifferente alla sua sicurezza sempre così terribilmente a rischio, incurante di fronte alla sua magnifica vibrante democrazia. La democrazia per l'Europa è sempre stato un tema debole, non così per gli USA che non a caso sostengono Israele. Non è affatto vero, come dice Palazzo Chigi che questa risoluzione serve ad affermare il principio di due Stati per due popoli, al contrario essa cancella tutto il lavoro di costruzione di un processo di pace bilaterale. Non nascerà la Palestina da questa risoluzione, ma solo la conferma che i Palestinesi per ottenere ciò che vogliono non hanno bisogno di cedere alcunché né sul piano ideologico né su quello dello scambio territoriale, che non hanno il dovere di sedersi di fronte al loro interlocutore, che hanno il diritto di non riconoscerlo persino come un interlocutore. Per non parlare degli accordi internazionali, a partire da quello di Oslo: questo voto li cancella tutti, e crea una situazione di caos in cui fiorirà Hamas. Al contrario di quello che si afferma, non è la parte moderata che viene qui aiutata. Palazzo Chigi aiuta di fatto un punto di vista estremista perché isolazionista, accusatore, palesemente carico di disprezzo e d'odio verso Israele. E l'ha fatto contro il parere espresso dal Parlamento in questi quattro anni”.Roma, 29 novembre 2012