venerdì 17 maggio 2013

10 Unknown West Bank Facts 

video: https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=dp4f3wXwyZg

Bambina siriana salvata da cardiochirurghi israeliani
Una bambina di quattro anni proveniente dalla Siria è stata sottoposta con successo, lunedì, a un intervento vitale di chirurgia cardiaca presso il Wolfson Medical Center di Holon (Israele), nel quadro delle attività volontarie di Save a Child’s Heart (“Salva il cuore di un bambino”). Il caso della bambina, la cui identità non è stata divulgata per tutelare la famiglia dagli estremisti che imperversano nel suo paese, era stato presentato a Save a Child’s Heart da un’organizzazione umanitaria americana che opera in Giordania e Israele.La bambina è arrivata in Israele la scorsa settimana da un paese terzo dove lei e la madre erano giunte come profughi in fuga dalla guerra civile che infuria in Siria. Al suo arrivo, è stata visitata da un’équipe medica di Save a Child’s Heart che ha valutato che necessitava di un intervento a cuore aperto al più presto possibile: il tutto gratis, grazie al lavoro volontario dello staff medico e ai fondi raccolti. Ora la bambina si sta riprendendo, nel reparto di terapia intensiva della pediatria dell’ospedale Wolfson, in attesa di poter tornare in Giordania. “Senza l'intervento, poteva morire nel giro di pochi mesi, forse anche settimane” spiega il chirurgo, Lior Sasson. E aggiunge: “E’ incoraggiante poter eseguire un intervento chirurgico su una piccola proveniente da un paese ostile”.Stando al racconto della madre, i medici in Siria avevano scoperto la malfunzione cardiaca quando la figlia aveva sei mesi d’età, ma non erano disponibili terapie adeguate. “Continuavamo a portarla dai dottori – dice – ma non c’era niente che si potesse fare per lei. Non poteva né correre né giocare come gli altri bambini, e per la maggior parte del tempo stava davvero male”.Quando è scoppiata la guerra civile siriana, la madre si è resa conto che la famiglia, per salvare la figlia, non aveva altra scelta che lasciare il paese e cercare aiuto all'estero. Un anno e mezzo fa si sono spostati in Giordania, dove la madre si è rivolta a un'associazione cristiana americana supplicandola di aiutarla. A sua volta l’associazione ha contattato Save a Child’s Heart e pochi giorni fa, in coordinamento con il ministro degli interni israeliano Gideon Sa'ar, madre e figlia hanno potuto entrare in Israele.“ All'inizio temevo la reazione del regime siriano al fatto che venissimo qui – ricorda la donna – e naturalmente io stessa avevo paura a venire in Israele. Ma dal momento che siamo arrivate, mi sono sentita a mio agio. I dottori hanno trattato bene sia me che mia figlia”. E aggiunge che al Wolfson ha incontrato altri pazienti accuditi da Save a Child’s Heart, fra i quali molti palestinesi e arabi di altri paesi mediorientali.La fondazione israeliana Save a Child’s Heart, creata nel 1995 dal compianto cardiochirurgo pediatrico Amiram Cohen, ha già assistito più di 3.200 bambini in 44 paesi in via di sviluppo. Con l’intervento di lunedì, la Siria è diventata il 45esimo paese.(Da: Jerusalem Post, YnetNews, 14.5.13),http://www.israele.net/

Scontri a Gerusalemme tra palestinesi e forze di sicurezza

GERUSALEMME - Tensioni e scontri tra forze di sicurezza israeliane e manifestanti palestinesi si sono verificati oggi a Gerusalemme presso la Porta di Damasco, in occasione della "Nakba" ("catastrofe") che per i palestinesi ricorda la proclamazione dello Stato di Israele e l'esodo dei profughi.Alla manifestazione hanno preso parte circa 500 attivisti palestinesi ai quali si è aggiunto un gruppo di arabi israeliani provenienti da Akko, nel nord del paese. Nel corso degli incidenti sono stati feriti due poliziotti israeliani, mentre sono stati fermati una decina di attivisti palestinesi. A un gruppo di giovani ebrei ortodossi che transitavano nelle vicinanze è stato strappato il tradizionale copricapo e uno di essi è stato ferito ad un occhio.Analoghi incidenti sono avvenuti anche al transito di Qalandia a sud di Ramallah, a Hebron e a Betlemme, in Cisgiordania.Intanto un razzo lanciato dalla Striscia di Gaza è caduto oggi pomeriggio, senza provocare vittime né danni, nel nord-ovest della regione desertica del Negev, nel sud d'Israele. Lo riporta il sito del "Jerusalem Post", citando un portavoce dell'esercito, dopo alcuni giorni di relativa calma.Ats,http://www.tio.ch/

Tra i ricchi del mondo, è Israele ad avere il tasso di povertà più alto

di  .  16 maggio 2013,http://atlasweb.it/
Israele è il più povero dei 34 paesi economicamente sviluppati, con un tasso di povertà del 20,9%, secondo un rapporto dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico () pubblicato ieri.
La popolazione povera di Israele è cresciuta più che in ogni altra nazione Ocse, superando anche il Messico (20,4%).Lo stato ebraico continua ad essere uno dei paesi con la maggiore disparità di reddito, dopo , Messico, e Turchia.In contrasto con la tendenza registrata in molti paesi, dove i salari sia tra i più ricchi che tra i più poveri sono diminuiti, Israele presenta un lieve aumento in entrambe le parti.
In Spagna e Grecia, colpite dalla recessione, i tassi di povertà sono i più bassi, rispettivamente del 15,4% e del 14,3%. In generale, in quasi tutti i paesi Ocse, i redditi sono in calo, mentre la diseguaglianza è in aumento.L’Ocse riporta un aumento significativo dei tassi di povertà anche in Turchia, , Australia, , e Germania.L’Ocse definisce “tasso di povertà” la quota di persone il cui reddito è minore alla metà del reddito medio nazionale.

Israele perde la guerra delle immagini 

E se la ormai celebre fotografia del funerale di Gaza premiata dalla World Press Photo Foundation fosse un falso? L'organismo che presiede il prestigioso riconoscimento ha avviato una revisione dell'immagine. Non sarebbe la prima immagine rilanciata dai quotidiani di tutto il mondo che si rivela un'arma di propaganda contro Israele. Ci fu Tuvia Grossman, il ragazzo sanguinante sulla prima pagina del New York Times con alle spalle un poliziotto israeliano. Quel ragazzo fu spacciato per palestinese, ma era un israeliano salvato dal linciaggio degli arabi all'inizio della Seconda Intifada. Il danno fu enorme per lo stato ebraico. Poi c'è stato il libello del sangue di Mohammed al Dura, il bambino palestinese al centro di uno dei più grandi scandali mediatici realizzati ad arte dalla televisione francese. E la Reuters, che durante la guerra in Libano del 2006 mostrò una donna sotto più macerie, in luoghi diversi, usata come manichino di guerra. E sempre la Reuters fece sparire dalle mani dei terroristi turchi della Mavi Marmara asce, coltelli e spranghe, dovevano passare per "pacifisti". La barriera di sicurezza di Israele è fotografata più di qualsiasi star di Hollywood, ma solo nelle sezioni di cemento con graffiti. Ci fu infine l'invenzione del “massacro di Jenin”, corpi che si rialzavano per cambiare posizione e una bambina che alla fine è risultata viva e vegeta. Foto e notizie che incitano all’odio. Purtroppo Israele sta perdendo questa guerra delle immagini.© - FOGLIO QUOTIDIANO  di Giulio Meotti

Farhud: il pogrom dimenticato del 1941 in Iraq 
Di Zvi Gabay,http://www.israele.net/
A Shavuot, la festa ebraica che quest’anno si inizia a celebrare dalla sera di martedì, gli ebrei iracheni ricordano il 72esimo anniversario del pogrom Farhud: i tumulti del 1941 in cui vennero massacrate fra 150 e 180 persone e altre migliaia ferite, mutilate, violentate.Il Centro per il Retaggio dell’Ebraismo Babilonese (iracheno), a Or Yehuda (Israele), ha catalogato i nomi delle vittime, mentre in tutto il mondo gli ebrei iracheni ricordano quei terribili disgraziati eventi così simili alla Notte dei Cristalli di tre anni prima in Germania.I tumulti Farhud (in arabo “espropriazione violenta”) videro protagonista una folla che era stata aizzata alla violenza e si tradussero, per la comunità ebraica irachena, nella perdita di ogni fiducia nel paese che avevano considerato casa loro per millenni: quella comunità di circa 140mila ebrei è oggi ridotta a pochi sparsi individui.Gli ebrei iracheni vennero perseguitati senza nessuna ragione evidente. Gli ebrei, che avevano vissuto in Iraq per 2.500 anni, non stavano sovvertendo il paese dall'interno, come gli arabi palestinesi che in quello stesso periodo combattevano contro le comunità ebraiche e poi contro lo Stato di Israele. In effetti, in quegli anni gli ebrei furono bersaglio di ostilità e persecuzioni praticamente in ogni paese arabo in cui vivevano, e non solo in Iraq. Centotrentatre ebrei vennero uccisi in Libia quando in quel paese nord-africano le violenze anti-ebraiche raggiunsero il culmine nel novembre 1945. Ad Aden, nello Yemen, un centinaio di ebrei vennero assassinati nel novembre 1947. In Egitto gli ebrei vennero buttati fuori dalle loro case ed espulsi dal paese.Nonostante tutta l’attenzione internazionale prestata alla “Nakba” palestinese, ben poco è stato detto sulla grave sopraffazione patita dagli ebrei dei paesi arabi. È vero che la storia non è una gara fra tragedie, ma è importante far conoscere la pulizia etnica che infuriò in tutte le nazioni arabe. Le dimensioni della tragedia furono pesanti: circa 850mila ebrei furono costretti a fuggire dalle loro case nei paesi arabi, a fronte dei 650mila profughi palestinesi. Eppure, per ragioni che non è facile capire, lo stesso governo israeliano non ha ancora posto la catastrofe che colpì gli ebrei arabi in cima alla sua agenda, interna e internazionale.Gli ebrei nei paesi arabi vennero perseguitati prima che fosse dichiarata l’indipendenza d’Israele. Gli storici Edwin Black, Shmuel Moreh e Zvi Yehuda hanno pubblicato una ricerca che mette in luce i legami fra il governo filo-nazista dell’allora primo ministro iracheno Rashid Ali al-Gaylani e il Terzo Reich in Germania. L’Iraq applicò contro gli ebrei normative discriminatorie che investivano ogni aspetto della vita quotidiana, e poi istigò la folla alla violenza fisica contro gli ebrei. Il pogrom Farhud del 1941 fu il culmine di questo processo. La fusione di un nazionalismo venato di xenofobia e di contagiosi sentimenti antisemiti creò una realtà impregnata di odio verso l’ebreo. L’ambasciatore di Germania in Iraq, Fritz Grobba, fu pronto a fomentare quest’attitudine, mentre il leader palestinese Haj Amin al-Husseini, fuggito dalla Palestina perché ricercato dagli inglesi, trovava in Iraq un’arena ideale per le sue attività anti-ebraiche. L’atmosfera brutalmente anti-ebraica culminò nell'impiccagione di Shafiq Ades, un facoltoso uomo d’affari ebreo, nella piazza centrale di Bassora, mentre l’aria era carica di trasmissioni radio anti-ebraiche e incendiari discorsi dal podio dell’Onu.Infine, senza altra possibilità di scelta, gli ebrei dell’Iraq raccolsero le loro cose e abbandonarono il paese, quell'Iraq che loro più di altri avevano fatto entrare nell'era moderna. Si lasciarono alle spalle i beni privati e tutte le proprietà delle loro antiche comunità, compresi i luoghi venerati come sepolture dei profeti Ezechiele, Giona, Naum di Alqoshi ed Esdra lo Scriba, delle quali si impossessò il governo iracheno.Vi furono naturalmente iracheni che si rifiutavano di giustificare le aggressioni contro la popolazione ebraica, ma furono zittiti. Gli ebrei divennero il capro espiatorio del conflitto fra sunniti e sciiti, proprio come oggi Israele si trova in mezzo al conflitto fra Iran e arabi. Se ancora oggi gli ebrei si fossero trovati in numero significativo nei paesi arabi, è del tutto ragionevole supporre che le loro comunità sarebbero state devastate nelle recenti rivolte in Egitto, Libia, Tunisia, Yemen e in Siria.Il numero di ebrei con alle spalle una vicenda di vita nei paesi arabi si sta fatalmente assottigliando di anno in anno. È giunto il momento di commemorare il loro retaggio in Israele, di impedire che abbia il sopravvento la propaganda araba, abbracciata da coloro che negano che pogrom arabi anti-ebraici abbiano mai avuto luogo, analogamente alla minaccia posta dai negazionisti della Shoà. Quanto prima Israele si impegnerà a preservare l’eredità degli ebrei arabi riconoscendone ufficialmente il carattere di vittime, tanto più rapidamente potrà migliorare la sua posizione interna e internazionale. Inoltre, custodendo questo pezzo di storia ebraica Israele può rafforzare le voci moderate nel mondo arabo, specialmente quelle provenienti da intellettuali che hanno riconosciuto una catastrofe mediorientale che vide vittime gli ebrei, e non solo i palestinesi. Allo stesso tempo, i dirigenti palestinesi dovrebbero smettere di coltivare nella loro gente l’illusione del cosiddetto “diritto al ritorno”, in modo che la tragica ruota della storia non abbia a rigirare su se stessa.(Da: Israel HaYom, 13.5.13)

Festival d’Israele, un mese di concerti a Gerusalemme

Il Festival d’Israele si svolgerà a Gerusalemme dal 23 maggio al 22 giugno portando in scena spettacoli di danza, teatro, jazz, musica classica con artisti internazionali e israeliani. Gli spazi scelti per gli eventi includono la Torre di Davide (nella foto), la Colonia dei Lebbrosi di Gerusalemme, la rinnovata prima stazione ferroviaria di Gerusalemme, la Piscina del Sultano e Ein Kerem, così come il Teatro di Gerusalemme, il Gerard Behar Center, il Mamilla, la Ymca e Beit Shmuel. Il festival darà spazio anche al centenario della Sagra della primavera di Stravinskij con un concerto della Jerusalem Symphony Orchestra diretta da Frederick Shazlan. http://www.travelquotidiano.com/

Mo: prodotti equo-solidali israelo-palestinesi
(ANSAmed) - GERUSALEMME, 14 MAG - Si chiama ''Fair Trade Fair Peace'' ed e' la nuova linea di prodotti equosolidali israelo-palestinese nata dalla collaborazione di ebrei e arabi israeliani e artigiani palestinesi della Cisgiordania. Il progetto intende rafforzare le relazioni tra artigiani delle comunita' arabe in Israele e quelle dei Territori ''cercando di valorizzare le radici comuni di palestinesi ed israeliani con la Palestina storica''.Finanziato dall'Unione Europea (600mila euro circa), il progetto - presentato a Gerusalemme - ha visto la partecipazione dell'italiana Cospe (Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi Emergenti), Sindyanna, un'organizzazione non governativa israeliana che opera nella Galilea e BFTA (Bethlehem Fair Trade Artisans), la piu' importante cooperativa di artigiani di Betlemme in Cisgiordania. ''Fair Trade Fair Peace - ha detto all'ANSA Gianni Toma, responsabile delle attivita' di Cospe - nasce con l'obiettivo di contribuire al processo di pace sviluppando rapporti di dialogo e partenariato tra israeliani e palestinesi, facendo leva sulla societa' civile palestinese attraverso lo strumento del commercio equosolidale''.
''Attraverso il metodo equosolidale - ha spigato Toma - il progetto intende dare dignita' e garantire reddito alle fasce della societa' piu' deboli, in questo caso i piccoli produttori di Betlemme, le donne del campo profughi di Aida e un gruppo di disabili palestinesi''. I prodotti che verranno commercializzati in Italia includono oggetti artigianali realizzati con legno di ulivo, ceramica, ricami, cesti di olivo e palma di dattero, una gamma di saponi di olio di oliva, erbe e specialita' alimentari come za'atar e miele, cosi' come altri prodotti che ben rappresentano la combinazione di entrambe le culture, quella israeliana e quella palestinese. 

E nella Striscia di Gaza arriva il fast food americano. Ma è di contrabbando
Alcune delle ordinazioni giornaliere di ali e cosce di pollo KFC durante il tragitto in uno dei tunnel sotterranei tra la Striscia di Gaza e l'Egitto (foto Xinhua)
Alcune delle ordinazioni giornaliere di ali e cosce di pollo KFC durante il tragitto in uno dei tunnel sotterranei tra la Striscia di Gaza e l’Egitto (foto Xinhua)
Il servizio non è proprio quello da fast food. E i prezzi, ecco, nemmeno quelli. Ma in una zona dove le sigle occidentali – da McDonald’s a Burger King fino a Kfc – sono soltanto visibili in tv o su Internet si può anche chiudere un occhio. Soprattutto se da casa si possono ordinare dell’americanissimo pollo fritto con patatine e Coca Cola.Dai tunnel che collegano l’Egitto alla Striscia di Gaza ora si fa anche questo: si trasportano – illegalmente – centinaia, migliaia di ali e cosce di pollo con la sigla KFC, Kentucky Fried Chicken. A raccontarlo è l’agenzia francese Afp che, però, non mostra un minimo di stupore. Abituata, forse, a tutto quello che in precedenza è passato all’interno di quegli scavi pericolosi e illegali, ma a tratti vitali per l’economia di Gaza. E allora, dopo macchine (intere o a pezzi), animali (comprese giraffe ed elefanti), dopo armi e beni di prima necessità, ecco la nuova idea imprenditoriale: portare il fast food dentro la Striscia.Da quelle parti funziona più o meno così. Tu prenoti. L’ordinazione viaggia per un po’ di chilometri. Se tutto va bene, nel giro di qualche ora (circa 4) ti ritrovi davanti quello che avevi scelto. Più che fast food, slow food. E anche expensive food. Visto che bisogna pagare non solo il cibo, ma anche il costo del carburante utilizzato. Alla fine il prezzo è il triplo, anche 27 euro per una ventina di pezzi di pollo.
L'idea di portare il fast food nella Striscia è di una ditta di spedizioni (illegali) di Gaza: l'ordinazione di solito impiega 3-4 ore prima di arrivare a casa del cliente (foto Xinhua)
L’idea di portare il fast food nella Striscia è di una ditta di spedizioni (illegali) di Gaza: l’ordinazione di solito impiega 3-4 ore prima di arrivare a casa del cliente (foto Xinhua)
L’idea è di un’azienda locale di consegne (di contrabbando), la Yamama. I suoi “dipendenti” fanno gli ordini in Egitto, in un KFC di Al Arish. «Solitamente prendiamo non più di 30 ordinazioni», spiega Khalil al-Ifranji, direttore della società. Quindi con una macchina trasportano il tutto a ridosso dei tunnel, presso il valico di Rafah. Una volta portate nella Striscia, le ordinazioni viaggiano casa per casa attraverso altri giovani a bordo di motorini.I palestinesi di Gaza, a sentire al-Ifranji, sarebbero entusiasti. E gli affari per la Yamama – nel ramo fast/slow food – pare stiano andando alla grande. Anche se sono soltanto tre settimane di attività. «Ci sono moltissime ordinazioni – aggiunge il numero uno della ditta di spedizioni – anche perché la gente qui non si può muovere e quelli che hanno già provato questo cibo prima vogliono mangiarlo di nuovo».http://falafelcafe.wordpress.com/




25 maggio Rovereto (Tn) ore 17.00 Sala Fondazione Cassa di Risparmio Trento e Rovereto nel ventennale della dedicazione dei Giardini Giorgio Perlasca di Rovereto. Intervengono Luisa Filippi Assessore al Comune, Paolo Marega Presidente Cassa Rurale di Rovereto, Marta Villa Presidente Club Unesco di Trento e Domenico Nisi, Presidente Sintesi-Museo Didattico.


giovedì 16 maggio 2013

Noa a Sanremo



video: http://www.youtube.com/watch?v=804RVyiZlm4




Associazione Italia Israele Perugia     e     Villa Pieve Country House
hanno il piacere di invitare le S.L. all'evento

L'ebraismo nell'Opera Lirica - Tradizione religiosa e tradizione musicale
Manifestazione musicale nell'ambito del "3° Corso Intenazionale di Canto-M° Giancarlo Ceccarini"
 A seguire degustazione di specialità gastronomiche della tradizione ebraica
a cura dell'Associazione Italia Israele di Perugia 
Sabato 8 giugno alle ore 20.30
Villa Pieve Country House, Pieve del VescovoVia Marcantonio Bonciari, 126- 06034 Corciano Perugia
 Il costo complessivo della serata (cena + spettacolo) è di Euro 20.00 a persona

mercoledì 15 maggio 2013

A New Israeli Air Force Documentary
video: 

http://www.blog.standforisrael.org/articles/above-and-beyond-a-new-israeli-air-force-documentary


Se non capite il parlato, lo scritto è molto chiaro

Yoran Svoray ebreo in Germania come Indiana Jones cerca tesoro nazista nel lago

BERLINO – Un israeliano in Germania a caccia del tesoro nazista di  Hermann Göring: questa è la storia vera, anche se sa un po’ di un nuovo sequel di Indiana Jones, di Yoran Svoray ,un ricercatore israeliano. Lui e la sua squadra di 15 esperti sono al lavoro da alcuni giorni per scovare il presunto tesoro nazista che, per ordine di Hermann Göring, le SS , nel marzo 1945, avrebbero fatto scomparire nel lago Stolpsee, situato nella regione tedesca del Brandeburgo.Già nel novembre del 1981, quando la Germania era ancora divisa, il capo della Stasi Erich Mielke aveva intrapreso la ricerca del “tesoro” , ma, dato che l’operazione “Herbstwind” (vento d’Autunno) non dava risultati, abbandonò i suoi propositi otto mesi dopo. Da allora nessuno ci ha più riprovato, almeno non in maniera professionale.Come riporta il giornale tedesco Bild, l’operazione di Svoray nello Stolpsee, un lago che si estende per 400 ettari ed arriva alla profondità di 13 metri, è stata preparata per 6 anni, durante i quali il ricercatore ha sentito racconti di testimoni sia Germania che in Israele, ha messo assieme il denaro ed ha studiato la tecnica di ricerca più giusta da adottare.La ricerca si avvale degli strumenti tecnici più avanzati portati dagli Stati Uniti, di un modernissimo sonar-scanner del valore di 50 mila euro e di sommozzatori. Tra poche settimane, terminata la valutazione delle prove, le immersioni potrebbero già avere inizio.Secondo quella che è ormai diventata la leggenda del lago Stolpsee, nel marzo del 1945, due mesi prima della resa tedesca, alcuni camion scesero lentamente lungo il ripido sentiero della Krebsbucht ( la Baia del Cancro), a ridosso di gigantesche querce. Dopo un breve silenzio si sentì un boato.Gli uomini delle SS ( Schutzstaffel, milizie di sicurezza per Hitler che giuravano fedeltà a quest’ultimo e non allo Stato) spingevano davanti a loro un gruppo di prigionieri emaciati del vicino campo di concentramento di Ravensbrück. Vennero gonfiati dei gommoni, fatti scivolare in acqua e vi furono caricate delle casse. I prigionieri, tra gemiti e con molta fatica riuscirono a mettere le casse in equilibrio sulle imbarcazioni che vennero spinte nel lago. Alla fine del lavoro i prigionieri dovettero mettersi in fila sulla riva, dalle loro divise carcerarie gocciolava l’acqua . Poi si sentì un altro comando, spari e poi silenzio di morte.Non ci sarebbero prove della vicenda ma, Erich Köhler , che vive e lavora nel Brandeburgo da 40 anni, prima parroco nella ex Repubblica Democratica Tedesca ed ora cronista locale, ha raccontato alla Bild di avere sentito negli anni lo stesso racconto da diversi abitanti del luogo:“Sono sicuro che nel racconto del tesoro c’è qualcosa” . E ha una sua teoria circa il contenuto delle casse che, piuttosto che bottino di furti, oro e platino proveniente dalla residenza di Carinhall di Hermann Göring, potrebbero contenere documenti delle SS riguardo al campo di concentramento di Ravensbrück che sarebbero stati inabissati per eliminare delle prove .Ravensbrück , infatti, è ritenuto ancora oggi uno dei peggiori campi di concentramento scoperti sul suolo tedesco e, come dice alla Bild un impiegato del monumento commemorativo del campo, sarebbero troppi i documenti che mancano.Non è tuttavia il contenuto delle casse, si presume 18, che è importante per Svoray. E’ sicuro del fatto che delle casse siano state messe nel lago e vuole trovarle, non fosse altro che per dare giustizia, anche se tardiva, a chi aveva con quelle casse una qualche relazione.La squadra di Yoran Svoray ha trovato il consenso di Thomas Kersting, capo dipartimento dell’organismo statale che si occupa della conservazione dei monumenti (Landesamt für Denkmalpflege Brandenburg) che oltre a dichiarare che la spedizione riveste un interesse storico ha detto anche che vi darà supporto con i propri esperti.Le intenzioni del ricercatore israeliano, nel caso si trovasse qualcosa, sono di dare tutto alla regione del Brandeburgo o al Governo federale.Dice Svoray: “Forse il tesoro potrebbe finanziare un museo, un monumento commemorativo, oppure una istituzione sociale. Sarebbe bello”http://www.blitzquotidiano.it/

Una discarica riunisce israeliani e palestinesi

Aldo Ferretti,[ 13 maggio 2013 ],http://www.greenreport.it/
Non è facile vedere arabi ed ebrei stare assieme dalla stessa parte. Eppure ieri coloni israeliani e residenti palestinesi hanno manifestato congiuntamente per protestare contro la realizzazione di una nuova discarica per rifiuti solidi urbani, finanziata dal Governo tedesco, nei pressi di una riserva naturale nella zona C della Cisgiordania (West Bank).La Società per la Protezione della Natura in Israele (SPNI) ha lanciato una battaglia contro la discarica di Rimonim, "arruolando" coloni ebraici e cittadini palestinesi, uniti dal fatto che la discarica è una problematica ambientale, quindi non conosce confini territoriali, ideologici o religiosi.Turbato dalla vulnerabile localizzazione della discarica, questo insolito gruppo di manifestanti ha intenzione di presentare un reclamo ufficiale alla sua costruzione verso l'Alta Corte di Giustizia. Guidati da Roee Simon, coordinatore di SPNI Giudea e Samaria, la lotta si è estesa ai rappresentanti della tribù beduina locale Kaabene, ai villaggi palestinesi di Ramun e Nu'eima, agli insediamenti israeliani di Mikhmas e Rimonim, all'Associazione Comunale Ambientale della Giudea e la Samaria e al Consiglio regionale Binyamin, che copre 44 insediamenti in Samaria meridionale.Poiché il progetto è stato ufficialmente pubblicato l'8 marzo, i cittadini hanno avuto 60 giorni di tempo per presentare obiezioni al piano, prima di un'udienza pubblica, ha spiegato un rappresentante della banca di sviluppo governativa tedesca, Kreditanstalt Fyr Wiederaufbau (KfW ), che finanzia il progetto. Quindi i termini sarebbero già scaduti per la via amministrativa, da cui il tentativo di ricorrere direttamente alla massima istanza d'appello del Paese.La futura discarica è prevista vicino a Rimonim Junction,  a pochi passi a nord della riserva naturale di Nahal Makoch nel Deserto di Giudea nord. Una  riserva naturale che secondo i contestatori  ha  "caratteristiche uniche" per la sua posizione al confine della dorsale montuosa centrale e con la valle del Giordano. Entro il letto del fiume presso la riserva sono presenti molte grotte con rare condizioni che permettono ai pipistrelli il letargo, spiegano dall'associazione SPNI. Ma il sito sarebbe particolarmente pregiato anche per la presenza di molte testimonianze archeologiche, legate  alle vicende storiche di antenati religiosi a Gerusalemme e a Gerico. Quindi non solo gli ambientalisti temono impatti ambientali per le acque sotterranee e il torrente ma anche danni alla sacralità della riserva stessa.Tuttavia, fino ad oggi nessuna manifestazione o protesta è stata organizzata per contestare le numerosissime discariche illegali presenti in tutta l'area e verso le quali sono indirizzati gli scarichi pirata di entrambe le comunità.E che quella di ieri non si sia trattata di una protesta legata effettivamente alla protezione del bene comune lo si capisce meglio se andiamo ad analizzare  a fondo la questione e vediamo che in ballo non ci sono solo questioni di impatti ambientali. Infatti, il pomo della discordia sembra essere più il fatto che nella nuova discarica potranno essere conferiti solo i rifiuti urbani dei palestinesi e non quelli dei coloni israeliani, anche perché si tratta di aiuti allo sviluppo e quindi legati ai soli territori occupati.Attualmente  ci sono solo quattro discariche autorizzate in Cisgiordania - di cui solo due possono assorbire rifiuti israeliani - per cui la "spazzatura" prodotta degli insediamenti di quest'area dovrà essere trasportata verso destinazioni lontane, a costi elevati.Gli israeliani, pur ammettendo che la discarica verrebbe costruita secondo gli standard tedeschi, quindi con piene garanzie ambientali, poiché verrebbe donata all'Autorità Palestinese di Ramallah, nutrono forti dubbi semmai circa la reale capacità di questa di saperla gestire correttamente. "Se non riescono a gestirla bene, poi ci potrebbero essere problemi. La riserva naturale potrebbe venire danneggiata, come anche le specie animali presenti", ha detto infatti Roee  Simon.Per contro le autorità palestinesi la vedono diversamente. Husain Abuoun, direttore esecutivo dei servizi tecnici comunali, ha detto che la discarica fornirà occupazione ai residenti locali, con priorità per coloro che vivono a Ramun, in virtù della loro vicinanza al sito. Nella regione di Ramalllah-Al-Bireh ci sono 320.000 abitanti che generano 300 tonnellate di rifiuti al giorno, per cui la discarica sarà "un importante progetto internazionale per il popolo palestinese", ribadisce Abuoun  "La struttura andrà inoltre a sostituire i 78 siti pirata di scarico della spazzatura presenti della regione, che sono molto pericolosi in quanto inquinano le acque sotterranee e l'ambiente circostante".  Infine sottolinea come "La costruzione della discarica  non compromette la zona vicina al progetto, e la zona è stata mai identificata da alcuna autorità come riserva naturale".Avi Ro'eh, che è a capo del Consiglio delle Comunità ebraiche di Giudea, Samaria e nella Striscia di Gaza,  è tra coloro che si oppongono con forza al progetto per ragioni pragmatiche: "I rifiuti degli insediamenti della regione Binyamin sono attualmente scaricati nella discarica Psagot, situata nell'area appena a est di Ramallah e sud di Al-Bireh. Sia Ramallah e il suo sobborgo di Al-Bireh, così come altri villaggi palestinesi, scaricano i loro rifiuti lì. Il governo israeliano, tuttavia, prevede di chiudere la discarica Psagot nel mese di agosto, una decisione che è stata sostenuta dalla High Court of Justice". Ora quindi i coloni saranno costretti a inviare i loro rifiuti presso siti israeliani più lontani, mentre i palestinesi potranno conferire i loro nella nuova e vicina discarica regalata dai tedeschi.

Banja Luka - La RS è orgogliosa della cooperazione con Israele e con il popolo ebreo, per cui appoggerà òa lotta per l'autonomia del Paese, ha affermano il Presidente della RS, Milorad Dodik, domenica, 12 maggio, dopo la riunione con una delegazione del Ministero degli estri israeliano, guidata dal Ministro Zev Elkin. Accompagnato da Igor Radojicic, rappresentante... http://www.osservatorioitaliano.org/read/111127/esteri-srpska-orgogliosa-della-cooperazione-con-israele

Missione sheqel per la Banca Centrale di Israele 

Poteva la Banca Centrale di Israele restare a immobile in questi tempi di aggressive politiche monetarie da parte del gotha degli istituti centrali? No, soprattutto se a rischio c'è l'importante settore dell'export.La Bank of Israel ha deciso inaspettatamente di tagliare il tasso sui prestiti di un quarto di punto portandolo all'1,5%, valore più basso degli ultimi tre anni, annunciando al contempo un programma di acquisto di valute estere per limitare l'eccessivo apprezzamento della propria valuta, lo sheqel.Si tratta di una mossa perlopiù inattesa, anche se a ben vedere era assolutamente prevedibile. L'Istituto guidato dal Governatore Stanley Fisher ha infatti spiegato di aver preso questa decisione "in scia al continuo apprezzamento dello sheqel, all'imminente avvio della produzione di gas naturale nel giacimento Tamar, al taglio dei tassi operato da molte altre Banche centrali - in particolare la Banca Centrale Europea, alle politiche di quantitative easing attualmente in atto in molti Paesi e alla revisione al ribasso delle stime sulla crescita globale".Come darle torto? Nell'ultimo mese gli Istituti centrali che "vigilano" su circa un quarto del PIL mondiale hanno adottato politiche più accomodanti. In più, la divisa israeliana ha guadagnato quasi 9 punti percentuali negli ultimi sei mesi indebolendo l'export, grande risorsa di Israele (pesa per il 40% sull'economia totale).La notizia ha immediatamente avuto ripercussioni sia sullo sheqel, in calo sulle principali controparti, che sulla Borsa di Tel Aviv, i cui indici sono scattati al rialzo mostrando ora guadagni di quasi un punto percentuale.  http://teleborsa.it/


Muhammad Al-Dura: il ragazzino che forse non è mai stato ucciso
 Di Ben Caspit,http://www.israele.net/

Qualcuno si ricorda di Muhammad Al-Dura? È il dodicenne di Gaza che sarebbe stato ucciso dalle Forze di Difesa israeliane durante uno scontro a fuoco all'inizio della seconda intifada, mentre gridava, rannicchiato dietro a suo padre Jamal. Divenne il più potente simbolo della lotta palestinese (e della “malvagità” israeliana): il suo nome riecheggia ancora oggi in tutto il mondo.In un primo momento Israele non negò che le sue forze potessero aver accidentalmente colpito e ucciso Al-Dura, rimasto intrappolato nel fuoco incrociato di un aspro scontro fra miliziani palestinesi e soldati israeliani all'incrocio di Netzarim (nella striscia di Gaza) il 30 settembre 2000.In seguito a una prima inchiesta, tuttavia, la versione ufficiale delle Forze di Difesa israeliane si modificò: i soldati non potevano aver colpito il ragazzino dalla posizione in cui si trovavano. Ma era troppo tardi: il racconto della sua uccisione per mano israeliana aveva ormai fatto il giro del mondo, oggi diremmo che si era diffusa in modo “virale”.Da allora sono trascorsi tredici anni durante i quali sono state avanzate varie teorie e alcune tesi del complotto, compresa quella secondo cui il piccolo Muhammad Al-Dura non sarebbe stato nemmeno ferito.Pochi giorni fa, il parlamentare israeliano Nachman Shai (laburista) ha incontrato il ministro della difesa Moshe Ya’alon per consegnargli una copia del suo nuovo libro “Media War Reaching for Hearts and Minds” (La guerra mediatica che arriva a cuore e mente), che tratta del ruolo dei mass-media negli attuali conflitti armati, compreso il caso Al-Dura. E Ya’alon ha lasciato stupefatto Shai quando gli ha rivelato che un’indagine condotta da Israele dimostrerebbe che Al-Dura non è mai stato colpito. In altre parole, sarebbe vivo.Come ho accennato, questa teoria circola già da alcuni anni su internet e se ne parla anche in un dettagliato resoconto del caso che io stesso ho preparato per un programma tv. Ma questa è la prima volta che un ministro della difesa israeliano lo afferma così pubblicamente: non solo Muhammad Al-Dura non venne ucciso dalle Forze di Difesa israeliane durante l’incidente filmato dalla tv "France 2" e visto da tutto il mondo, ma non sarebbe stato nemmeno colpito. Oggi Al-Dura dovrebbe essere sui 25 anni, vivo e vegeto da qualche parte (sempre che non sia rimasto ucciso successivamente in qualche altro incidente).Dunque si apprende che Ya'alon aveva formato una commissione d’indagine speciale riservata sul caso Al-Dura, la quale ha condotto un’indagine completa durata diversi anni. La commissione era presieduta dal generale della riserva Yossi Kuperwasser, ex capo della Divisione Ricerca e Analisi della Direzione dell’Intelligence militare israeliana, oggi Direttore generale del Ministero per gli affari strategici. Oltre a lui, la commissione era composta da numerosi specialisti del Technion, l’istituto di tecnologia israeliano, e da altre istituzioni accademiche, e raccolse informazioni dal fisico Nahum Shahaf, il primo che ha dimostrato, in base agli angoli e al volume di fuoco, che la scena filmata non poteva essere autentica. Kuperwasser stesso si incontrò diverse volte con Shahaf.Ho parlato con Kuperwasser questa settimana e mi ha confermato che la conclusione della commissione è che Al-Dura non venne colpito e che il celeberrimo video deve essere una messinscena. Questo significa che il reportage della tv "France 2" era infondato, e forse che addirittura lo sapevano.Ho chiesto a Kuperwasser quando i risultati ufficiali israeliani verranno diffusi pubblicamente e se qualcuno sa dove possa trovarsi il ragazzino. Mi ha risposto che l’indagine sarà pronta nel prossimo futuro e che gran parte del lavoro è già stato completato. Per quanto riguarda il ragazzino – che oggi non è più un ragazzino – nessuno ne sa nulla.(Da: Jerusalem Post, 12.5.13)

Siria: Netanyahu oggi da Putin per bloccare batterie s300
(ANSA) - TEL AVIV, 14 MAG - Il premier israeliano Benyamin Netanyahu si rechera' oggi in Russia per un incontro urgente con il presidente Vladimir Putin in cui tentera' di bloccare in extremis la fornitura alla Siria di batterie missilistiche S300.Una volta operative, secondo Israele, quelle batterie rappresenterebbero una minaccia costante per le attivita' dell' aviazione israeliana anche all'interno del proprio spazio aereo.La visita di Netanyahu e' stata concordata la settimana scorsa durante una telefonata del premier con il presidente russo. La stampa locale ritiene che le probabilita' di successo di Netanyahu sugli S300 siano scarse. Il quotidiano Maariv, da parte sua, ritiene che nell'incontro Putin-Netanyahu saranno affrontate anche altre questioni di interesse regionale. Fra queste: il futuro assetto politico in Siria; la presenza della marima militare russa nel Mediterraneo; il coinvolgimento della Russia nel processo di pace israelo-palestinese; i progetti nucleari dell'Iran; e la cooperazione israelo-russa nelle industrie militari.

Israele che cambia
Due notizie interessanti giungono da Israele. La prima è che le “femministe” del Muro del Pianto sembrano aver vinto la loro battaglia egalitaria, o almeno il suo primo round, quella per il diritto a pregare davanti al Kotel secondo i rituali che l’ebraismo ortodosso riserva agli uomini. La seconda è che il neoministro delle Finanze, Yair Lapid, fresco vincitore “morale” delle elezioni politiche, ha predisposto un taglio da 800 milioni di dollari al budget delle forze armate, suscitando la prevedibile protesta dei vertici militari.Più sorprendente, però, è la reazione della classe media che ha largamente sostenuto Lapid solo due mesi fa: insoddisfazione e delusione per una sforbiciata giudicata troppo morbida. Per chi conosce il ruolo fondamentale dell’esercito nella società israeliana, un atteggiamento davvero impressionante, che mostra il piglio con cui intere categorie sono decise a rompere con il passato, con gli ortodossi, con i miti fondativi (tra cui Tzahal), e interessate viceversa alla crescente sperequazione sociale e alla crisi economica di alcuni settori.Senza indulgere in sentimenti facili – soddisfazione per i “liberal” e riprovazione per i religiosi e i nazionalisti – mi pare utile rilevare quanto questi due episodi confermino la disgregazione culturale e identitaria cui lo Stato d’Israele rischia di correre incontro. Il sionismo ha da subito avuto varie anime (religiosa, nazionalista, socialista, di sopravvivenza) ma l’elemento di novità e la minaccia esterna riuscivano a tenere insieme le contraddizioni. Se la novità sfuma nel tempo e la minaccia si incancrenisce senza speranza fino a cronicizzarsi, ecco che questi legami tendono a dissolversi. Che cosa tiene unita la società israeliana, che cosa lega gli israeliani, questa è la grande domanda per il sionismo nel XXI secolo.Tobia Zevi, Associazione Hans Jonas,http://moked.it/blog/
(14 maggio 2013)

Qui Napoli – Diritti degli animali e consumo consapevole
Siamo sicuri che basti accertarsi del “taglio” perchè un animale sia kasher? O forse oggi dobbiamo pretendere di più e batterci perché gli animali di cui ci cibiamo siano quantomeno allevati e macellati attraverso processi “eticamente compatibili” e “come Dio comanda”? Che la kasherut non sia una questione relativa solamente al taglio della giugulare è un fatto forse poco noto. Ma è un dato di fatto che il percorso che porta l’animale al macello presuppone anche esso delle regole per alleviare la sofferenza degli animali. Questa è stata una delle riflessioni più interessanti avanzate durante la presentazione, a Napoli, del numero della Rassegna Mensile di Israel sul tema “Gli animali e la sofferenza. La questione della shechità e i diritti dei viventi” a cura di Laura Quercioli Mincer e Tobia Zevi. La presentazione è stata promossa da Dipartimento Educazione e Cultura dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Comunità ebraica di Napoli, Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, Associazione di cultura ebraica Hans Jonas, centro Interuniversitario di ricerca bioetica (C.I.R.B.) di Napoli e Istituto Nazionale di Bioetica e si è tenuta alla Sala degli Angeli dell’Università Suor Orsola Benincasa.I vivaci interventi di Luisella Battaglia, rav Scialom Bahbout, Lorenzo Chieffi, Francesco Lucrezi e Orlando Paciello, moderati da Tobia Zevi, hanno dato luce a un’interessante proposta avanzata dal professor Paciello, veterinario, che ha denunciato lo stato terrificante dei macelli italiani, dove sembra difficile ospitare la macellazione ebraica secondo quelle norme che hanno come finalità proprio l’alleviamento del dolore animale, metodo auspicabile anche per le altre macellazioni. A questo proposito dunque, perché non costruire un “macello virtuoso”, che abbia quelle caratteristiche in grado di garantire una corretta macellazione kasher, dall’inizio alla fine, da condividere anche con chi ebreo non è? E in cosa consiste “un macello virtuoso”? Nel fatto ad esempio di situarsi non troppo lontano dagli allevamenti, così da evitare quei viaggi estenuanti nei carri che portano gli animali alla morte; nel distanziare, attraverso ampi spazi, una macellazione dall’altra, evitando quindi di far vivere agli animali l’orrore della morte dei “propri compagni”; nell’accogliere gli animali, esseri viventi sensibili, entro luoghi che non trasudino di morte, sangue e dolore. Come suggerisce il noto scrittore Jonathan Safran Foer nel suo libro “Se niente importa”, citato da Tobia Zevi più volte, bisognerebbe divenire non tanto dei vegetariani ma, prima di tutto, dei consumatori consapevoli. Di questa consapevolezza è sicuramente portatrice la tradizione ebraica che, tra ideali da perseguire e possibili mète da realizzare in questo mondo, si fa portavoce di un’etica universale da condividere. Sta a noi poterla concretizzare.Ilana Bahbout, coordinatrice Dec UCEI (14 maggio 2013)http://moked.it/blog/


Invito:Cara amica, Caro amico,quest’anno ricorre il 68° della costituzione della

“BRIGATA EBRAICA”.Perché il ricordo rimanga vivo, soprattutto fra le giovani generazioni, quest’anno l’evento sarà celebrato Giovedì 30 Maggio 2013 alle ore 9,30 presso il Cimitero di Guerra Alleato di Piangipane  (Ravenna)

Sarà presente una delegazione delle Forze Armate Israeliane e del Ministero della Difesa Israeliano, nonché le Associazioni di ex-Combattenti Italiane.Alla solenne cerimonia prenderanno parte l’Ambasciatore di Israele in Italia S.E. Naor Gilon,  il Vice-Sindaco di Ravenna signor Giannantonio Mingozzi, il Presidente delle Comunità Ebraiche Italiane Avv. Renzo Gattegna, l’Addetto Militare presso l'Ambasciata d'Israele Col. Yehu Ofer, il Rabbino Capo di Ferrara e delle Romagne  Rav. Luciano Caro ed Autorità istituzionali. Un cordiale Shalom.Alfredo Boschini
Info:  alfredoboschini@gmail.com